AVVERTENZE

Questo blog non è che un laboratorio preliminare in cui ciascuno è invitato a partecipare, in un confronto collettivo, al progetto per il futuro portale che mette in rete le reti femminili; cioè il contenitore web che è la nostra meta finale. Il quale, a sua volta, dovrà poi continuamente svilupparsi, come un albero in continua crescita.


• Contenuti teorici
Oltre a presentare il progetto del portale, questo blog offre alcuni spunti di riflessione sotto forma di una sorta di presupposti filosofici di base.Ma resta inteso che tali contenuti riflettono solo la visione delle donne che hanno animato questa iniziativa. Rappresentando l'idea che univa il gruppo di lavoro iniziale, vengono qui sottoposti come oggetto di un confronto che ci sta particolarmente a cuore.
Con ciò NON si intende in alcun modo presentarli come una sorta di manifesto collettivo a cui si chiede di "aderire".
Questo aspetto è molto importante: sottolineiamo fortemente che, nel rispetto delle chiavi di lettura di ognuna, questo progetto nasce e deve restare un luogo del confronto più aperto su tutte queste visioni.

Ripetizioni
Vi avvisiamo subito: in questo blog troverete molte ripetizioni e continui rimandi incrociati.
• Non è un errore, non è casuale: ribadire concetti in modo incrociato è un modo come un altro di precisare meglio dei contenuti e aiutare ad orientarsi le persone meno esperte;
• quello che cerchiamo di proporre con un portale dedicato a una rete delle reti è una sorta di esperimento inedito. Per quanto il concetto sia apparentemente semplice, troviamo una certa difficoltà a far capire cosa sarà esattamente. Anche per questo può servire ripetersi;
• tutto questo progetto è davvero e letteralmente un work in progress (condiviso qui e su fb, vedi punto sotto: "come usare il blog"); anche per questo alcune parti ora incluse nei documenti di presentazione di chi ha avviato il progetto (vedi spunti di riflessione) si possono ritrovare nei post di chi ha inizialmente contribuito a tali contenuti.

Come è fatto il blog-laboratorio
Troverete sostanzialmente 2 parti principali:
1. le pagine informative (dove siamo ora): queste restano stabili, in quanto rappresentano l'idea del progetto (e le riflessioni su cui ha preso forma), nel momento in cui è stata presentata;
2. i post in continuo aggiornamento: questi sono i contributi di chi partecipa, inviandoci le proprie osservazioni e proposte; man mano che arrivano vengono aggiunti fra i contenuti più recenti; man mano vengono poi archiviati in ordine cronologico, sempre rintracciabili alla voce archivio dei vostri post (sotto alle pagine informative).

Questo blog è dunque diverso da tutti gli altri perché NON è fatto da un singolo (o da una redazione): i suoi post sono (e saranno) scritti dalle tantissime persone diverse disponibili a dire cosa pensano del progetto, a dare suggerimenti e spunti critici, nonché a far conoscere la propria idea, o associazione, attività eccetera. Ciascuno di questi autori verrà linkato restando così direttamente raggiungibile.

 Come usare il blog
In attesa che il portale definitivo sia configurato e operativo, tramite il blog si potrà seguire lo sviluppo del progetto, venendo a conoscenza di altre realtà, e anche partecipare attivamente inviando a rotelle@portaledelledonne.org contributi da postare: con le proprie opinioni, idee o critiche, suggerimenti, e anche dando notizie sulle proprie attività.
L'utilizzo di questo blog e dei gruppi su fb favorisce l'interazione fra noi tutte e ci aiuta a farlo il più collettivamente possibile. I gruppi fb sono 2 perché:
Il Gruppo 1 è dedicato ai lavori in corso per la costruzione del portale.
Il Gruppo 2 è dedicato a temi vari e alla costruzione di relativi sottogruppi di lavoro. Ma attenzione: questi sottogruppi non si riferiscono ai lavori per il portale, quanto a iniziative direttamente promosse da donne che si sono incontrate grazie agli scambi attivati per creare il portale stesso.

• Perché collaborare
E' evidente che senza l'aiuto di molte questo progetto è una battaglia persa.
Con l'aiuto di tutte può diventare una risorsa collettiva veramente potente.
Noi dobbiamo pensare che, se lavorando sola ciascuna è un microrganismo, esattamente come le formiche possiamo diventare un vero e proprio macro-organismo con tutta la forza che questo comporta.



• Come collaborare
Se volete collaborare.. grazie! Ciascuna di voi è come una pioggia vitale che viene a nutrire un terreno.
Per capire ancora meglio come fare vi rimandiamo alla > pagina con le istruzioni.

Ma prima di decidere in che modo collaborare, è importate che ciascuno cerchi di capire con pazienza le caratteristiche e la vera natura di questo progetto. Compreso questo, ogni singolo, o gruppo, o associazione, troverà da sè il modo più congeniale per partecipare, secondo le proprie competenze e disponibilità.

Nessun commento:

Posta un commento